back blog

Storia del CIME

Storia del Movimento europeo

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

A seguito del Congresso dell'Aja (maggio 1948), anche in Italia venne costituito nel dicembre del 1948, un Consiglio nazionale del Movimento Europeo quale organismo di coordinamento tra i parlamentari più europeisti e il Movimento Federalista Europeo (MFE).

Ne fu poi però necessaria una ricostituzione nel 1956 in una situazione caratterizzata dalla contrapposizione determinatasi nel campo europeista, tra i cosiddetti funzionalisti, sostenitori di una progressiva integrazione di mercato tra i paesi della “piccola Europa” del tempo - in cui ravvisavano la premessa necessaria di ogni possibile sviluppo ulteriore - e la componente maggioritaria dei federalisti italiani che, a cominciare da Altiero Spinelli, aveva assunto, dopo la caduta della Comunità europea di difesa, una posizione fortemente critica nei confronti della politica europea dei governi.

Quest'ultima posizione aveva del resto concorso a determinare a livello internazionale una scissione tra gli stessi federalisti.

In tali condizioni, era inevitabile che il Movimento europeo assumesse di fatto, per la sua composizione politica che annoverava allora i partiti di governo, insieme ai sindacati gravitanti nella loro orbita, un carattere alternativo rispetto al federalismo militante.

Tale stato di cose sarebbe tuttavia mutato nel corso degli anni, anche per il decisivo contributo recato dall'assunzione, nell'autunno del '64, della Presidenza del Movimento europeo da parte di Giuseppe Petrilli che, pur provenendo dall'esperienza dell'integrazione comunitaria quale membro della Commissione nel primo triennio della Comunità economica europea, aveva maturato una visione del processo in atto tendente al superamento dell'approccio intergovernativo.

Il ravvicinamento tra il Movimento europeo e il Movimento federalista si sarebbe concluso nel 1966 con l'adesione di quest'ultimo al primo.

Il Movimento europeo venne così sposando - dapprima a livello nazionale e poi anche in ambito europeo - le posizioni fondamentali della strategia federalista, riconoscendo l'importanza da attribuirsi all'elezione del Parlamento europeo a suffragio universale diretto, quale condizione indispensabile di ogni effettivo progresso sul terreno politico-istituzionale e ravvisando nell'elezione europea il punto su cui far leva per imprimere una spinta alla ripresa propriamente politica del processo integrativo.

Quando l'iniziativa parlamentare di Altiero Spinelli, maturata in seguito alla prima elezione europea del '79, ebbe dimostrato concretamente la correttezza di tale strategia, il Movimento europeo offrì alla medesima un appoggio sostanziale, attraverso la forte pressione esercitata a favore del progetto di trattato elaborato dal Parlamento europeo nei confronti della presidenza italiana della Comunità, nel primo semestre dell'85.

Dopo d'allora, le successive presidenze di Mauro Ferri, Mario Zagari e Giorgio Napolitano hanno ampiamente confermato la piena continuità del rapporto stabilitosi nell'ambito del Movimento europeo tra le principali forze politiche e social-economiche nazionali e l'avanguardia federalista.

Così il Movimento europeo è stato tra i protagonisti in Italia del costante impegno a favore della creazione della moneta unica europea Euro, nonché della difficile battaglia, ancora incompiuta, per delle riforme istituzionali europee che portino alfine all'approvazione di un vero e proprio testo di Costituzione per l'Unione.

 

 

 

 

 Immagine2

BannerPROCESSO UE

bileurozona

rescue

agorabanner

coccodrillo

banner fake


Le Nostre Reti

eumov

eucivfor

logo asvisride logoretepace

routecharlemagne


Partner e Sostenitori

parleuitarapprita

banner12

banner11


 ed logo

Gioiosa Jonica  -  Roma  -  Modena  -  Nuoro  -  Bari  -  Trento


 

Registrati per ricevere le nostre newsletter.

Sostieni le iniziative del Movimento Europeo con una piccola donazione


Movimento Europeo

Italia

E' una rete di organizzazioni che mobilita cittadini e sostiene un'unione democratica, federale e allargata dal 1948.

© Movimento Europeo  -  Realizzato da logoims

Search