back blog

Newsletter n.5/2021 - Economia

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 di Anna Maria Villa

Una professionalità eccezionale ha bisogno di uno sforzo comune

 

La decisione del Presidente della Repubblica di affidare l’incarico per la formazione di un nuovo governo al Prof. Mario Draghi è stata accettata con un ampio consenso nazionale ed internazionale.

La situazione dell’Italia, come noto, è estremamente critica. Siamo un paese provato da anni di crisi economico-finanziaria e sociale, arrancante e disorientato. La crisi pandemica inserendosi su questa situazione l’ha notevolmente aggravata, trasformandola in una crisi politica che rischia di diventare una preoccupante crisi di sistema.

L’incarico di formare un nuovo governo per rimettere in moto questo paese ad una professionalità di spicco può però non essere sufficiente. Il coraggio e le capacità di Draghi, che con il suo famoso ‘whatever it takes’ ha salvato l’euro, sono state possibili in un contesto diverso da quello italiano. Draghi era presidente della BCE, organismo indipendente e grazie anche ad un accordo politico ha potuto assumersi tutta la responsabilità di un’azione storica senza precedenti. Il suo intervento fu provvidenziale, riconosciuto universalmente e tutt’oggi seguito.

In Italia la situazione attuale è simile per la gravità e la necessità di un intervento rapido e qualificato, ma diversa. Draghi dovrà affrontare ostacoli di fronte ai quali anche le migliori scelte tecniche potrebbero non essere attuabili perché non accettate.  Il futuro governo, che dovrà adottare queste scelte coraggiose, dovrà necessariamente essere sostenuto e votato dal Parlamento. Ma le difficoltà di natura politica derivano dal fatto che le forze politiche da tempo hanno promesso ad un elettorato non completamente consapevole cose che non possono essere attuate o comunque anche se lo erano, dovevano essere accompagnate da altre riforme ed interventi che ne garantissero la sostenibilità per non avere un carattere esclusivamente assistenzialistico e quindi non sostenibile con il debito pubblico del nostro paese, debito ancora sostenibile fino al 2023 grazie all’intervento della BCE.  L’economia infatti resta debole, non vi è crescita della produttività e quindi del PIL. Le conseguenze di questo stato di fatto sono sotto i nostri occhi.

Tra i primi atti di cui Draghi dovrà occuparsi vi è una profonda revisione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) votato dal precedente governo e sul quale si è aperta la crisi, perché non adeguato alle sfide che il paese deve affrontare e sul quale si devono ancora dettagliare gli interventi previsti.

Quest’anno, la stesura del PNRR si inserisce, inoltre, in un particolare contesto. Oltre a quello abituale del Semestre europeo, è possibile (ed auspicabile) poter ricorrere alle risorse del Next Generation EU per potenziare le riforme e gli investimenti strategici per la crescita economica.

Nello scorso mese di novembre, la Commissione europea ha iniziato il consueto ciclo annuale di coordinamento e monitoraggio degli equilibri macroeconomici dell’area euro del Semestre europeo con la pubblicazione dell’Annual Growth Strategy (AGS), dove sono indicati gli obiettivi strategici di politica economica per l’anno successivo, vale a dire il 2021.

Oltre questo documento la Commissione ha come sempre pubblicato il Rapporto sul meccanismo di allerta. Questi due documenti sono tra loro collegati. Mentre nel primo si valuta il raggiungimento degli obiettivi strategici dell’anno trascorso, la situazione occupazionale, le tendenze macroeconomiche dell’area euro e sulla base di queste si indicano i nuovi obiettivi, con il secondo si individuano quei paesi che presentano squilibri macroeconomici (per esempio il calo della competitività) che potrebbero rivelarsi dannosi non solo per il singolo stato, ma per l’intera area euro.

Sulla base di questi due documenti, la Commissione analizzerà i Piani di ripresa e resilienza e i programmi di stabilità, che verranno sottoposti alla sua valutazione entro il prossimo 30 aprile dagli SM ed esprimerà specifiche raccomandazioni per ciascun paese (le c.d. country specific recommendations - CSR).

In base alla normale procedura del Semestre europeo, dopo un confronto bilaterale tra Commissione e Stati Membri, le CSR potranno essere integrate nei Piani nazionali, i quali – dopo l’approvazione dei Parlamenti nazionali - verranno inviati a Bruxelles e definitivamente approvati dal Consiglio europeo del prossimo giugno.

Quest’anno, dunque, i PNRR potranno prevedere interventi eccezionali grazie alle consistenti risorse messe a disposizione dal Next Generation EU. Questi interventi dovranno però  rispettare le CSR del 2019-20 ed essere coerenti con gli obiettivi strategici indicati dalla Commissione per i finanziamenti (transizione verso un’economia verde e digitale, riforme strutturali).

Il rapporto sul meccanismo di allerta per l’Italia 2020 sottolinea dunque la necessità  per il nostro paese di aumentare la produttività e la crescita per diminuire il rapporto debito/Pil e correggere gli squilibri macroeconomici e questo potrà essere realizzato solo attraverso ambiziose riforme esplicitamente indicate, quali quella della giustizia, della PA, Fiscale, dell’istruzione, del lavoro, ecc, oltre a politiche di bilancio prudenti e investimenti produttivi, i c.d. buoni investimenti, in grado di realizzare una transizione ecologica verso un’economia verde e sostenibile nonché una trasformazione digitale.

Non vi è alcun dubbio che Mario Draghi saprà offrire il mix ottimale ed efficace di interventi per rilanciare questo paese. Il vero scoglio però sarà la capacità dei partiti di dare massima fiducia e collaborazione a Draghi nell’interesse del paese in Parlamento.

L’eccezionalità di un finanziamento così importante e l’indicazione di una professionalità di così alto livello da parte del Presidente Mattarella per la formazione di un nuovo governo non possono essere sprecate. Sono condizioni eccezionali che possono riportare il nostro paese finalmente a crescere e fare quel salto di qualità nelle condizioni di vita, ormai da troppo tempo richiesto da tutti. Non da ultimo, l’Italia ha anche un’altra responsabilità non meno importante: saper approfittare con risultati positivi di uno sforzo finanziario dell’Europa mai deciso precedentemente per fronteggiare la crisi causata dal Covid-19 per una crescita economica e una maggior resilienza difronte a nuove crisi, significa contribuire al processo di integrazione europea e far diventare in futuro simili strumenti, di accresciuta solidarietà tra Stati, non più eccezionali ma più accettabili e quindi accessibili, grazie ai risultati positivi che saremo in grado di ottenere  e che avranno positivi riflessi su tutta l’Europa.

 

 

 

 Immagine2

BannerPROCESSO UE

bileurozona

rescue

agorabanner

coccodrillo

banner fake


Le Nostre Reti

eumov

eucivfor

logo asvisride logoretepace

routecharlemagne


Partner e Sostenitori

parleuitarapprita

banner12

banner11


 ed logo

Gioiosa Jonica  -  Roma  -  Modena  -  Nuoro  -  Bari  -  Trento


 

Registrati per ricevere le nostre newsletter.
 

Sostieni le iniziative del Movimento Europeo con una piccola donazione


Movimento Europeo

Italia

E' una rete di organizzazioni che mobilita cittadini e sostiene un'unione democratica, federale e allargata dal 1948.

© Movimento Europeo  -  Realizzato da logoims

Search