Newsletter n.6/2021 - Carta dei diritti fondamentali

Stampa
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

L'articolo 30 della Carta dei diritti fondamentali è dedicato alla tutela in caso di licenziamento ingiustificato. In sintonia con l'articolo 29, sul diritto di accesso ai servizi di collocamento, trattato la settimana scorsa, si colloca nella sezione dedicata alla solidarietà, un ambito strettamente connesso, come si può notare, a quello dei diritti dei lavoratori. Afferma l'articolo 30 che “Ogni lavoratore ha il diritto alla tutela contro ogni licenziamento ingiustificato, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e prassi nazionali”. Pur nel rispetto delle differenziazioni in base al contesto di ciascuno Stato membro o anche di quelle su base regionale, questo tipo di tutela deve essere operante conformemente anche al diritto dell'Unione europea: è così che si apre uno spazio di riflessione rispetto all'azione che potrà essere operata in sede europea con gli assunti di una nuova politica che sembra si stia delineando e che si basa su alcuni obiettivi da realizzare.

Rispetto ad un mondo del lavoro ricco di incognite, a causa della complessità del capitalismo contemporaneo che è dematerializzato, sempre più legato agli umori dei mercati finanziari, in cui si compete con sistemi quali quello cinese, russo, di Paesi cioè che basano le proprie scelte politiche su presupposti assai differenti da quelli dell'economia di mercato occidentale, l'Unione si è posta l'obiettivo di garantire tutele sociali basate sulla legge, nel caso di perdita del lavoro, e ricorrendo all'azione della contrattazione sindacale. Oggi, queste tutele possono e devono essere riaffermate a livello europeo realizzando nuove conquiste del lavoro, quali quella di un reddito minimo in tutti gli Stati membri, e affermando i principi del pilastro europeo dei diritti sociali, molto concentrato sulle tutele nel mondo del lavoro ma ancora non tradotto in una nuova legislazione sociale e del lavoro che possa colmare le lacune esistenti. Continueremo ad occuparcene anche nelle prossime newsletter.