back blog

COME E PERCHE’ PERPETUARE LO HAMILTON MOMENT

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

E’ difficile prevedere quale sarà lo stato dell’Unione dopo la pandemia.

Non sappiamo se l’Unione vivrà ancora il suo Hamilton moment - evocato dopo la proposta franco-tedesca del 18 maggio e il successivo Next Generation EU del 27 maggio - con riferimento al Segretario al Tesoro della Confederazione delle ex-colonie britanniche che convinse nel 1790 il Congresso a creare un debito comune avviando gli Stati Uniti verso un primo embrione di federazione.

Sappiamo che il passaggio ad una vera federazione richiese molti anni ancora con la guerra civile del 1861, la decisione di Lincoln del 1862 di far emettere valuta a nome del governo federale e l’introduzione di vere imposte federali sul reddito delle persone e delle aziende nel 1913.

Se nel Consiglio europeo si troverà un accordo unanime, lo strumento del debito pubblico europeo diverrà permanente perché converrà agli Stati consentire alla Commissione di ricorrere al mercato dei capitali per finanziare il bilancio europeo piuttosto che mettere mano ai contributi nazionali.

Con il debito pubblico europeo si aprirà la strada alla creazione di vere risorse proprie e cioè di imposte europee che dovrebbero entrare in vigore prima della fine di questa legislatura (2024).

Lo Hamilton moment non potrà tuttavia limitarsi alla creazione di debito pubblico e all’introduzione di imposte europee.

Bisognerà creare un vero e proprio Tesoro europeo che dovrà gestire un indebitamento sul mercato superiore a quello gestito dagli Stati membri, avere un potere di imposizione fiscale accompagnato da una capacità di azione per sanzionare l’evasione fiscale e infine possedere una funzione di esecuzione delle spese effettuate a fronte delle entrate.

Ci vorrà dunque un governo europeo che dovrà rispondere delle sue azioni ad una autorità legislativa e di bilancio europea e non più alla somma di ventisette autorità di bilancio e legislative nazionali.

Ci vorrà dunque un salto federale di tipo costituzionale.

E’ certo possibile che nel Consiglio europeo non si raggiunga l’indispensabile unanimità perché nell’ingranaggio europeo - così lo chiamava Delors - si sarà introdotta della sabbia (SAND in inglese, che è anche l’acronimo di Sweden-Austria-Netherlands-Denmark) che ne renderà impossibile il funzionamento.

Avremo dunque – come è stato paventato da Romano Prodi - lo scioglimento dell’Unione.

Per evitare questo rischio e rendere invece permanente lo “Hamilton moment” noi suggeriamo tre azioni rivoluzionarie parallele e complementari:
- rendere pubblico il dibattito nel Consiglio europeo cosicché i capi di Stato e di governo non parleranno dopo il vertice solo ai loro media nazionali ma durante il vertice a tutta l’opinione pubblica europea assumendosi la responsabilità collettiva di fare il salto verso l’unità politica o cadere indietro verso la dissoluzione del progetto di integrazione
- promuovere un dialogo diretto fra le forze politiche che siedono nei parlamenti nazionali e quelle che siedono nel Parlamento europeo sapendo che le une e le altre appartengono alle stesse famiglie politiche popolare, socialista, liberale, verde e conservatrice (i sovranisti, in quanto nazionalisti, non hanno una vera famiglia europea e dunque sono destinati all’emarginazione). Questo dialogo potrebbe avvenire in “assise interparlamentari” come quelle che avvennero a Roma nel novembre del 1990 alla vigilia della Conferenza intergovernativa che elaborò il trattato di Maastricht
- Last but non least il Parlamento europeo deve decidere di fare quel che fece la prima assemblea eletta su ispirazione di Altiero Spinelli: trasformarsi in un corpo politico costituente. Il 9 luglio 2020 ricorderemo la creazione del Club del Coccodrillo il 9 luglio 1980 che avviò quella fase costituente. Per perpetuare con metodo democratico lo Hamilton moment i deputati europei devono avere il realismo politico di rilanciare quella fase.


PIER VIRGILIO DASTOLI

 

 Immagine2

BannerPROCESSO UE

bileurozona

rescue

agorabanner

coccodrillo

banner fake


Le Nostre Reti

eumov

eucivfor

logo asvisride logoretepace

routecharlemagne


Partner e Sostenitori

parleuitarapprita

banner12

banner11


 ed logo

Gioiosa Jonica  -  Roma  -  Modena  -  Nuoro  -  Bari  -  Trento


 

Registrati per ricevere le nostre newsletter.

Sostieni le iniziative del Movimento Europeo con una piccola donazione


Movimento Europeo

Italia

E' una rete di organizzazioni che mobilita cittadini e sostiene un'unione democratica, federale e allargata dal 1948.

© Movimento Europeo  -  Realizzato da logoims

Search