Via Angelo Brunetti, 60   06.36001705  06.87755731  segreteriacime@tin.it  segreteria@movimentoeuropeo.it

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

8-14 November 2021

Monday 8 November

Tuesday 9 November

Wednesday 10 November

Thursday 11 November

Friday 12 November

 

 

 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

VI SEGNALIAMO

  • 5-14 novembre 2021, Roma, 27° edizione del MedFilm Festival, il primo evento in Italia dedicato alla promozione e diffusione del cinema mediterraneo con un ricco programma di film, anteprime, focus ed eventi speciali. PROGRAMMA COMPLETO.
  • 12 novembre 2021, ore 12:15, presentazione del “Manifesto Ventotene Digitale” nel corso dell’evento “DALLA CARTA DI MILANO #EXPO2015 ALLA CARTA DI #EXPODUBAI2021” organizzato da Stati Generali delle Donne. Per partecipare è possibile collegarsi su zoom (ID riunione: 820 8136 4382, Passcode: 055469). Programma completo dell’evento a questo link.
  • 12-14 novembre 2021, Roma, XXV Congresso della Gioventù Federalista Europea. Venerdì 12 novembre ore 18:00, evento di apertura “Idee e Valori per il Futuro dell’Europa - Dibattito con le giovanili di partito” Organizzato dalla GFE. Diretta sulla pagina Facebook. Programma completo a questo link.

 

ARTICOLI E TESTI DELLA SETTIMANA

 

CONSIGLI DI LETTURA

 

 

 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
 

Trentadue anni fa cadeva Il Muro di Berlino aprendo la strada alla prospettiva dell’unificazione del continente che era stata immaginata, dal “loggione” di Ventotene, nel progetto di un manifesto per un’Europa libera e unita.

Da allora il processo di integrazione europea ha contribuito a costruire ponti che sono graficamente rappresentati nelle banconote dell’euro, che è la moneta unica dell’Unione europea.

La caduta del Muro fu accolta dalle popolazioni dell’Europa centrale, che erano state soggiogate dalla dittatura comunista o che in alcuni casi non avevano mai conosciuto la democrazia e l’indipendenza, con gioia perché essa significava la speranza di una vita migliore di giustizia e di pace.

Per i federalisti significava gettare le basi di una nuova sovranità condivisa lasciandosi alle spalle le sovranità assolute e i conflitti fra Stati-nazione.

Da allora il processo di integrazione europea ha fatto importanti passi in avanti ma anche qualche passo indietro che ha provocato la crescita di movimenti anti europei che sostengono idee contrarie agli interessi dei paesi in cui sono nati.

Dobbiamo continuare sulla strada dell’unificazione democratica del continente per passare dall’Unione incompleta alla Federazione europea come primo passo verso un mondo di pace e di giustizia.

 
 
 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

I capponi di Renzo Tramaglino e l’estrema destra europea

Come le nostre lettrici e i nostri lettori ricordano, ci siamo dovuti occupare il 5 luglio – nostro malgrado – di una “carta dei valori europei” promossa da una quindicina di partiti europei che si erano autodefiniti “patriottici” e che sarebbe stata sottoscritta da Giorgia Meloni e da Matteo Salvini.

La stampa italiana, ben più di quella degli altri paesi europei, aveva diffuso quest’informazione con un certo qual rilievo come se la firma della “carta” fosse il preludio dell’unificazione delle destre europee in unico gruppo parlamentare nell’assemblea di Strasburgo mettendo insieme gli iscritti al gruppo conservatore (ECR) a cui appartengono gli eletti di Fratelli d’Italia - inizialmente cinque, diventati sei dopo l’adesione di Raffaele Fitto e tornati ad essere cinque dopo l’autosospensione del capo gruppo Carlo Fidanza indagato dalla Procura di Milano per finanziamento illecito al partito – e gli eletti nel gruppo Identità e Democrazia (ID) a cui appartengono i ventiquattro della  “Lega per Salvini premier” in attesa di un eventuale traghettamento nel nuovo gruppo “dei patrioti” dei dodici eletti di FIDESZ, il partito nazionalista del premier ungherese Viktor Orban.

Lungo la strada dell’eventuale unificazione si erano nel frattempo allontanati i tedeschi dell’Alternativa per la Germania, gli olandesi, gli svedesi e i rumeni.

Il giorno della diffusione della “carta” pochi hanno fatto rilevare che il testo è apparso solo sul sito del Rassemblement National di cui è attualmente leader Marion Anne Perrine Le Pen (detta Marine) e sul suo papier à lettre, che ha ora le sue gatte da pelare in vista delle presidenziali francesi del 10 aprile 2022 per arginare la concorrenza del saggista xenofobo Eric Zemmour che la tallona nei sondaggi e potrebbe far evaporare il suo sogno di andare al ballottaggio del 24 aprile.

Dal 5 luglio non ci sono stati segnali significativi di movimenti di “patrioti” da un gruppo all’altro nell’emiciclo del Parlamento europeo e gli unici patrioti di cui ha parlato la stampa francese sono stati quelli del gruppo complottista guidato da Rémy Daillet-Wiedemann che avrebbe immaginato qualche giorno fa di organizzare un “colpo di Stato” (!).

È nota, del resto, l’idiosincrasia di Giorgia Meloni all’idea di unificare i suoi cinque deputati (orfani per ora di Carlo Fidanza) con i ventiquattro leghisti perché perderebbe in un sol colpo la leadership europea del partito dei conservatori e riformisti europei a cui è stata acclamata il 29 settembre 2020 prendendo il posto del ceco Jan Zahradil di cui pochi ricordano che fu sfortunato Spitzenkandidat alle elezioni europee del 2019.

Se la strada di un unico gruppo parlamentare delle destre o meglio dell’estrema destra è impervia lo è ancora di più quella di un unico partito europeo secondo le regole europee perché ciò vorrebbe dire lo scioglimento della “alleanza” di cui è presidente Giorgia Meloni.

Se poi andiamo a studiare attentamente i programmi dei partiti che avrebbero firmato la “carta dei valori” ci rendiamo conto che la FIDESZ di Viktor Orban, il PiS di Mateusz Morawiecki e Jaroslaw Kaczynski, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e la Lega di Matteo Salvini sono come i quattro capponi di Renzo Tramaglino di cui Alessandro Manzoni scriveva:

Lascio poi pensare al lettore, come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie, così legate e tenute per le zampe, a capo all’in giù, nella mano di un uomo (che vi chiediamo di immaginare nel ventunesimo secolo, n.d.r.), il quale, agitato da tante passioni, accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente. Ora stendeva il braccio per collera, ora l’alzava per disperazione, ora lo dibatteva in aria, come per minaccia e, in tutti i modi, dava loro di fiere scosse e faceva balzare quelle quattro teste spenzolate; le quali intanto s’ingegnavano a beccarsi l’una con l’altra come accade sovente tra compagni di sventura”.

Se leggiamo le prese di posizione sovraniste dei governi polacco e ungherese da una parte e le pretese nazionaliste di Giorgia Meloni e Matteo Salvini  – tuttavia spesso distinte essendo la prima all’opposizione e il secondo nella maggioranza “europeista” di Mario Draghi – vediamo che la difesa degli apparenti interessi di due “patrie” all’Est è inconciliabile con quella degli interessi all’Ovest su questioni che rappresentano l’essenza dell’Unione oggi  come il bilancio, la politica estera, la politica migratoria, le regole del mercato, il commercio, la politica fiscale e la concorrenza e che questa inconciliabilità ci ricorda i quattro capponi di Renzo Tramaglino, che il sovranismo è certo nemico della sopranazionalità ma che è altrettanto nemico degli altri sovranisti.

Aspetteremo ancora a lungo la creazione di un unico gruppo dei “patrioti” nell’emiciclo del Parlamento europeo e ancora più a lungo la creazione di un partito europeo di estrema destra.

Nel frattempo, sollecitiamo i federalisti europei a unire le loro forze per rilanciare – tutti insieme – il progetto e il metodo di Altiero Spinelli per passare dall’Unione europea agli Stati Uniti d’Europa. 

 coccodrillo

 

 

 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

La nostra newsletter settimanale Noi e il futuro dell'Europa è stata concepita per contribuire ad una corretta informazione sull’Unione europea e partecipare al dibattito sulla riforma dell’Unione a partire dalla Conferenza sul futuro dell’Europa.

Come sapete, la Conferenza è stata avviata il 9 maggio 2021 a Strasburgo e dovrebbe concludersi nella prossima primavera.

Ecco l’indice della nostra newsletter

Editoriale, che esprime l’opinione del Movimento europeo su un tema di attualità

- Rubrica “Pillole d’Europa

Eventi principali, sull’Europa in Italia e Testi in evidenza

Agenda della settimana a cura del Movimento Europeo Internazionale

- La Conferenza sul futuro dell'Europa

Next Generation EU a cura di Euractiv

- Europa dei diritti

Siamo come sempre a vostra disposizione per migliorare il nostro servizio di comunicazione e di informazione e per aggiungere vostri eventi di interesse europeo nella speranza di poter contare su un vostro volontario contributo finanziario.

 

 

 

 

 Immagine2

BannerPROCESSO UE

bileurozona

rescue

casaeuropa

agorabanner

coccodrillo

banner fake


Le Nostre Reti

eumov

eucivfor

logo asvisride logoretepace

routecharlemagne


Partner e Sostenitori

parleuitarapprita

banner12

banner11


 ed logo

Gioiosa Jonica  -  Modena  -  Nuoro  - Capo d’Orlando


 

Registrati per ricevere le nostre newsletter.
 

Sostieni le iniziative del Movimento Europeo con una piccola donazione


Movimento Europeo

Italia

E' una rete di organizzazioni che mobilita cittadini e sostiene un'unione democratica, federale e allargata dal 1948.

© Movimento Europeo  -  Realizzato da logoims

Search